Harris
3D Target
Il plateau tibetano meridionale

ESA - Immagine della settimana: Plateau tibetano meridionale (19 Giugno 2016)

L’immagine che pubblichiamo questa settimana è stata acquisita dal satellite Sentinel-2A in data 1 febbraio 2016 e mostra l'area centro-meridionale del Plateau Tibetano, nei pressi del confine con il Nepal occidentale e con lo stato indiano del Sikkim (guardala/scaricala in alta risoluzione).

Il Plateau Tibetano è stato generato da una collisione continentale avvenuta circa 55 milioni di anni fa, quando la placca Placca Indiana in movimento verso nord entrò in collisione con la Placca Euroasiatica, determinando un effetto di accartocciamento ed elevazione del territorio. Ed elevazione ci fu. Con una altezza media che supera i 4500 m ed un’area di 2,5 milioni di kmq, oggi risulta il plateau più alto e più esteso tra quelli esistenti al mondo.

Il plateau costituisce inoltre la terza riserva di ghiaccio più grande al mondo, dopo Artico ed Antartico. Negli anni più recenti l’aumento delle temperature ne sta determinando un rapido scioglimento.

In basso di questa immagine a falsi-colori è riconoscibile parte dell’Himalaya, con distinguibile il motivo che indica il deflusso delle acque dalle montagne. Al termine di questi fiumi e ruscelli si possono osservare depositi di sedimenti di forma triangolare – conoidi alluvionali – che si formano quando i flussi colpiscono la piana e si espandono.

Un vasto conoide alluvionale è visibile nella porzione alta e centrale dell’immagine, mentre alcuni conoidi più piccoli possono essere individuati sulla sinistra.

I conoidi alluvionali sono soggetti ad inondazioni e sono aree a rischio crescente per il fatto che il cambiamento climatico ha effetto sui ghiacciai del globo, determinando una accelerazione della liquefazione.

Grazie al vantaggio di trovarsi ad una quota di circa 800 km i satelliti possono monitorare i l’evoluzione della massa dei ghiacciai, del loro scioglimento e tanti altri effetti che il cambiamento climatico ha sul nostro pianeta.

Questa immagine è anche disponibile nell’ ambito dell’ Earth from Space video programme.


---


Southern Tibetan Plateau


The southern-central edge of the Tibetan Plateau near the border with western Nepal and the Indian state of Sikkim is pictured in this Sentinel-2A image from 1 February 2016 (view/download in Hi-Res).

The Tibetan Plateau was created by continental collision some 55 million years ago when the north-moving Indian Plate collided with the Eurasian Plate, causing the land to crumple and rise. And rise it did. With an average elevation exceeding 4500 m and an area of 2.5 million sq km, it is the highest and largest plateau in the world today.

The plateau is also the world’s third largest store of ice, after the Arctic and Antarctic. In recent years, rising temperatures have caused rapid melting.

Part of the Himalayas is visible along the bottom of the false-colour image, with the distinct pattern of water runoff from the mountains. At the end of these rivers and streams we can see the triangle-shapes of sediment deposits – alluvial fans – formed when the streams hit the plain and spread out.

One large alluvial fan is visible in the upper-central portion of the image, while smaller ones can be seen on the left.

Alluvial fans are subject to flooding, and these areas are increasingly at risk as climate change taking its toll on the world’s glaciers causes accelerated melting.

From their vantage point 800 km high, satellites can monitor changes in glacier mass, melting and other effects that climate change has on our planet.

This image is also featured on the Earth from Space video programme.


(Fonte: ESA - Image of the week: "Southern Tibetan Plateau". Traduzione: Gianluca Pititto)

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

VidaLaser

Naviga per temi

spazio cnr gestione emergenze reti tecnologiche scienze della terra gps nuvole di punti faro ambiente osservazione della terra catasto europeo cantiere rilievo 3d scansione 3D fotogrammetria copernicus satelliti webGIS top protezione civile GIS telerilevamento misurazione beni culturali Harris autocad uav terra e spazio mobile mapping geoportale territorio tecnologia uso del suolo galileo topografia geomax vidalaser open data storytelling rischio interferometria remote sensing ict drone monitoraggio smartphone GTER laser scanner archeologia hexagon geofisica monitoraggio satelitare mappe stazione totale app codevintec geodesia in cantiere planetek servizi agricoltura leica cosmo skymed apr terremoto sicurezza utility asita CAD realta aumentata pianificazione esri italia geomatica dati geospaziali progettazione informazione geografica sar coste intelligenza artificiale esri droni urbanistica topcon metadati modellazione 3d mare geolocalizzazione realtà virtuale ISPRA GNSS INTERGEO BIM Digital Twins ricevitori mobilita ortofoto sensore 3DTarget tecnologie avanzate INSPIRE trimble teorema flytop microgeo posizionamento satellitare lidar formazione smart mobility dati slam termografia open geo data Stonex asi autodesk geospatial sentinel Epsilon Italia esa dissesto idrogeologico catasto geologia Toponomastica internet of things 3D dati geografici oceanografia openstreetmap terrelogiche arcgis rndt big data meteorologia ingv rilievo qgis leica geosystems open source FOIF sinergis energia technologyforall osservazionedella terra trasporti smart city aerofotogrammetria digital geography osservazione dell'universo cartografia infrastrutture
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy