itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Gli open data geospaziali per aiutare la crisi dei migranti

Scaduto
Questa crisi umanitaria svela drammaticamente il ruolo delle tecnologie, dei social network, degli open geodata e delle mappe a supporto, dei flussi migratori verso l’Europa, con la nascita di app che consentono ai migranti, di usufruire dei servizi legati alla loro posizione.
 
Ad esempio un sistema basato sulla posizione geografica, adottato dai trafficanti e verificato dalla Global Initiative against Transnational Organized Crime, si sta diffondendo sempre più sulle grandi rotte dei migranti, soprattutto in uscita dalla Siria. Solo quando il migrante, ha raggiunto il confine o la sua meta, dal suo smartphone parte un messaggio che raggiunge una terza parte autorizzata a rilasciare all’organizzazione dei trafficanti, il compenso stabilito per il viaggio. 
 
Recente è il lancio della piattaforma per gli aiuti ai rifugiati RefAid (www.refugeeaidapp.com) con annessa app mobile per Android e iPhone. La Refugee Aid App è stata ideata a Londra a seguito della grande hackaton, che ha chiamato a raccolta esperti di informatica, attivisti per i diritti umani e volontari, in risposta alla crisi dei rifugiati in crescita in Europa e con la necessità di un maggiore coordinamento tra le organizzazioni di aiuto che sono andate ben oltre il loro limite. La Refugee Aid App è stata creata per trasformare il modo in cui è consegnato l'aiuto. L'annuncio arriva in un momento in cui i paesi europei stanno chiudendo i loro confini, per il fatto che non vi è alcun segno di rallentamento della migrazione di massa. La piattaforma, con la sua app mobile, è stata lanciata nel Regno Unito e in Italia, mentre seguirà in Grecia, e negli altri paesi europei, nel corso delle prossime settimane. Molte delle più grandi organizzazioni ufficiali di aiuto in tutto il mondo, stanno partecipando, tra queste: la Croce Rossa Italiana e Save the Children. Le organizzazioni umanitarie italiane partecipanti includono anche: l’ARCI, il Centro Astalli, il Consiglio Italiano per i Rifugiati (CIR) e alcune Caritas locali nelle zone con più alto numero di migranti vulnerabili.
 opegeodata_geospatial2.jpg
 
Carterro For Refugees(http://www.carterro.com/migrant-resources/) si propone, invece, di offrire informazioni per i rifugiati in viaggio, informandoli sui servizi a loro disposizione lungo il percorsoPossono creare post o pubblicare foto e video per mostrare cosa sta succedendo in un’area. Possono aprire un canale privato e restare in contatto con i loro familiari o altre persone per avere informazioni aggiornate.  Redatta anche in arabo è stata molto apprezzata in Medio Oriente. Anche qui lONG possono inserire i propri servizi, comunicare con cooperanti e volontari, aggiungendo anche contenuti fotografici e video.
 
Molto simile Kricket(http://kricket.coche ha però la particolarità di essere una mappa dinamicadove 24 ore dopo i post geolocalizzati scompaiono, se non viene dato seguito alla conversazione, e i contenuti messi dai rifugiati sono anonimi. Il servizio a pieno regime prevede di proporre ai migranti di diventare “reporter" vendendo online le proprie foto e i propri video.
opegeodata_geospatial3.jpg
 
 
Le app per i migranti sono diventate un business per il settore dell'open geodata. Lo dimostra il fatto che, quelle precedenti, sono tutte state realizzate da privati. Anche Google sta entrando nel business,congiuntamente allaInternational Rescue Committee and Mercy Corps, creando laCrisis Info Hub, un sito accessibile anche da una app per mobile, progettato con un software che consente di consumare poca batteria.Il servizio è attivo in molti dei paesi attraversati dai migranti e offre informazioni sul primo soccorso e i servizi di base.
 
opegeodata_geospatial4.jpg
 
Dallo spirito collaborativo è nato OpenStreetMap Tasking Manager(http://tasks.hotosm.org), uno strumento progettato e sviluppato, per la mappatura collaborativa dell'Humanitarian OSM Team. Lo scopo dello strumento, è, sostanzialmente,quello di effettuare un lavoro che mostra quali aree hanno bisogno di essere mappate e quali necessitano della sola convalida della mappatura.opendata_geospatial5.jpg
 
In caso di catastrofe questo approccio facilita la distribuzione dei compiti ai vari mappatori in un contesto di emergenza. Permette anche il controllo del progresso e dell'omogeneità del lavoro svolto.
 
(Fonte: Redazionale)
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4a4c

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

Bentley open data fotogrammetria GIS asi formazione planetek INTERGEO faro BIM galileo topcon big data cantiere sentinel geolocalizzazione osservazione della terra microgeo geomax realtà virtuale Stonex mare autodesk GNSS codevintec coste utility tecnologia flytop osservazione dell'universo realta aumentata geoportale terremoto cosmo skymed geomatica oceanografia tecnologie avanzate apr top mappe smart city eGEOS progettazione sicurezza laser scanner technologyforall intelligenza artificiale 3DTarget trimble open source esri uav terrelogiche servizi storytelling sinergis aerofotogrammetria cnr geospatial catasto europeo catasto FOIF esri italia geologia webGIS geodesia reti tecnologiche ISPRA 3D arcgis sar metadati ambiente scansione 3D mobile mapping trasporti copernicus app droni nuvole di punti hexagon leica gestione emergenze qgis sensore open geo data protezione civile uso del suolo INSPIRE telerilevamento archeologia territorio misurazione gps slam leica geosystems openstreetmap spazio termografia Epsilon Italia smart mobility rilievo dati meteorologia asita drone interferometria stazione totale ricevitori ortofoto terremoti rischio dati geografici energia Harris posizionamento satellitare scienze della terra beni culturali ingv GTER monitoraggio satelitare monitoraggio mobilita satelliti CAD autonomous vehicle rndt dissesto idrogeologico smartphone remote sensing telespazio infrastrutture ict internet of things geofisica autocad esa modellazione 3d lidar digital geography teorema topografia Toponomastica pianificazione terra e spazio in cantiere rilievo 3d urbanistica agricoltura cartografia
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy