itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

Il Mediterraneo era una valle arida: lo dimostra uno studio dell'INGV

Un tempo il Mediterraneo divenne una profonda valle arida, conseguenza della crescita della calotta polare antartica. E' quanto emerge dai risultati di uno studio coordinato da INGV e firmato da un team internazionale di ricercatori, pubblicato su Nature Communications.

Nuove analisi di sedimenti provenienti dai margini del continente antartico dimostrano che l'espansione e il successivo ritiro della calotta polare abbiano rispettivamente innescato e messo fine al prosciugamento del Mediterraneo. Circa 5-6 milioni di anni fa il Mediterraneo era completamente diverso da come lo vediamo oggi: non solo il collegamento con l’Oceano Atlantico era chiuso ma il mare si presentava come una valle profonda e arida con uno spesso strato di sale sul fondale. Questa fase, nota in letteratura come “crisi di salinità del Messiniano”, è durata circa 270mila anni. A stabilire in maniera univoca l’importante ruolo della crescita e riduzione della calotta polare antartica nelle varie fasi di questa trasformazione, lo studio "Antarctic glacio-eustatic contributions to late Miocene Mediterranean desiccation and reflooding" condotto dall’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) insieme a un team internazionale di ricercatori.

I risultati sono stati pubblicati su Nature Communications.

“Le cause che hanno portato al prosciugamento sono state oggetto di un acceso dibattito scientifico in questi ultimi anni”, spiega Fabio Florindo, direttore della Struttura Ambiente dell’INGV e coautore della pubblicazione. “Le prime teorie, pubblicate negli anni '70, imputavano la chiusura del Mediterraneo ai movimenti relativi delle placche litosferiche africana, araba ed euroasiatica che avrebbero chiuso lo stretto di Gibilterra. Altri ricercatori ipotizzarono, invece, che la causa principale poteva essere riconducibile a una glaciazione, con conseguente riduzione del livello globale degli oceani. L'abbassamento del livello degli oceani, infatti, fu tale che scese al di sotto di una soglia posta in corrispondenza dello stretto di Gibilterra, causando l'isolamento del Mediterraneo dall'Atlantico. In entrambi gli scenari la limitazione di apporto idrico, rispetto all’evaporazione, avrebbero, quindi, reso il Mediterraneo un grande lago destinato poi a prosciugarsi completamente. Lo studio conferma questa ricostruzione, mettendo però in luce un sistema di cause molto più complesso”.
Il team di ricerca ha analizzato 60 perforazioni effettuate lungo il margine del continente antartico e nell'oceano meridionale. Dall’analisi di queste sequenze sedimentarie è emerso che, durante il periodo della crisi di salinità del Messiniano, si è sviluppata una fase erosiva e non di sedimentazione.

“L’erosione, attribuita all’aumento di ghiaccio sul continente antartico, avrebbe progressivamente ridotto il livello degli oceani”, prosegue il Direttore della Struttura Ambiente dell’INGV. “Durante questa fase si è ridotta di molto la differenza di altezza tra la superficie del mare e il fondale e l'influenza della corrente superficiale è diventata così grande che il processo di sedimentazione si è trasformato in erosione”.
Questi dati mettono in evidenza il ruolo della fase glaciale e interglaciale come causa primaria per l'inizio e la fine del prosciugamento del Mediterraneo avvenuto più di 5 milioni di anni fa. Il movimento delle placche litosferiche avrebbe anch’esso svolto un ruolo, ma non è stata questa la causa primaria.
A completamento di della ricerca, aggiunge Florindo, “è stato sviluppato un modello complesso al supercalcolatore, sviluppato da Paolo Stocchi, ricercatore del Royal Netherland Institute for Sea Research e cofirmatario del lavoro, che simula la dinamica della calotta polare e la conseguente oscillazione del livello degli oceani. L'influenza della crescita della calotta antartica sul livello del mare non è uniforme su tutto il pianeta, in quanto il suo sviluppo comporta una complessa interazione tra effetti gravitazionali, rotazionali e le deformazioni della litosfera terrestre”.
I ricercatori hanno dimostrato che, in conseguenza dell'evaporazione del Mar Mediterraneo, la litosfera intorno lo Stretto di Gibilterra ha iniziato a sollevarsi a causa della rimozione del carico d’acqua sovrastante mantenendo il Mediterraneo isolato dall'Oceano Atlantico. Successivamente la calotta antartica ha avuto una fase di ritiro contribuendo così al sollevamento del livello medio degli oceani. Circa 5.33 milioni di anni fa il livello crescente dell'Atlantico era appena sufficiente per scavalcare una esigua barriera posta in corrispondenza dello stretto di Gibilterra, causando una catastrofica inondazione che in pochi anni ha riempito nuovamente il bacino del Mediterraneo.
“Una delle implicazioni di questa ricerca”, sottolinea Florindo, “è la comprensione del fatto che alla crescita o riduzione delle calotte polari le oscillazioni degli oceani avvengono con modalità irregolare. Una fusione parziale delle calotte potrebbe, quindi, determinare una variazione complessa del livello degli oceani, dando vita a nuovi scenari di cambiamento climatico”.

(Fonte: INGV)


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4yuu

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

top ISPRA terra e spazio protezione civile BIM laser scanner scansione 3D tecnologia archeologia scienze della terra ict territorio smart city autocad open data cartografia webGIS reti tecnologiche app FOIF arcgis realtà virtuale cantiere tecnologie avanzate GTER drone ingv sentinel uav satelliti fotogrammetria qgis lidar misurazione geolocalizzazione catasto europeo 3D hexagon technologyforall internet of things interferometria leica esri teorema osservazione della terra in cantiere dati INTERGEO trasporti stazione totale aerofotogrammetria catasto remote sensing planetek storytelling agricoltura faro monitoraggio satelitare spazio Stonex modellazione 3d utility topografia dissesto idrogeologico sensore esa infrastrutture geomax smart mobility urbanistica formazione progettazione geodesia intelligenza artificiale flytop sicurezza gestione emergenze asi rischio trimble esri italia rilievo openstreetmap codevintec GNSS microgeo open geo data geofisica copernicus energia droni big data 3DTarget INSPIRE Toponomastica metadati terremoti smartphone autodesk topcon sar Epsilon Italia meteorologia beni culturali geospatial dati geografici mobile mapping geologia ambiente leica geosystems monitoraggio cnr cosmo skymed oceanografia termografia apr telerilevamento geoportale terrelogiche nuvole di punti uso del suolo gps CAD Harris terremoto rndt top world sinergis coste ricevitori Bentley rilievo 3d posizionamento satellitare servizi osservazione dell'universo mobilita eGEOS open source GIS asita galileo geomatica telespazio realta aumentata ortofoto autonomous vehicle digital geography mare mappe pianificazione
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy