itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target

INTERGEO 2015: 545 aziende da 30 paesi, molte le aziende italiane presenti

La ventunesima edizione di Intergeo, che quest'anno si tiene a Stoccarda, entra nel vivo. Con ben 545 aziende espositrici a rappresentare 30 nazioni, il 30% di nuovi visitatori e una mostra commerciale disposta in tre padiglioni, l'edizione 2015 si avvia ad essere una delle più riuscite.

Ad un giorno e mezzo dall'inizio della fiera, l'organizzazione si dice soddisfatta e così le aziende partecipanti. Rispetto a ieri l'afflusso di pubblico è aumentato e il fatto che il compelsso fieristico si trovi ad appena 200 metri dall'aeroporto aiuta. Numerose anche le aziende italiane che hanno scelto Stoccarda per presentare le loro soluzioni. Tra queste Siteco, Menci Software, e-Geos, IDS, Sierra Soft, Stonex, Gexcel, Metrica. Ad attrarre gli adetti del settore la corposa presenza di aziende produttrici di APR, dei relativi sensori e dei software per l'analisi dei dati. Una flight test zone è stata organizzata giusto fuori l'area espositiva.

A margine della conferenza stampa delle ore 12.30, trapela ottimismo sulla salute del settore geospaziale e sul futuro dello stesso. La chiave di lettura dell'edizione 2015 di Intergeo è infatti il concetto di Geospatial 4.0, tema ricorrente durante questi primi due giorni di esibizione e conferenze. Quando si parla di Geospatial 4.0, si parla di evoluzione o rivoluzione? La cosa certa è che l'acquisizione di informazioni geospaziali è diventata ormai una pratica mainstream che coinvolge tutti, dalle aziende e le organizzazioni al pubblico.
Karl-Friedrich Thöne, presidente di DVW, ha posto l'accento sulla location dell'evento, perfetta per le esigenze dell'organizzazione. Il fatto che i numeri di Intergeo siano in crescita, dimostra la vitalità del settore geospaziale che, al giorno d'oggi, si muove sempre più verso l'interoperabilità e il coinvolgimento degli utenti nei processi acquisizione e sfruttamento dei dati. Intergeo segue questo trend e si pone come evento di riferimento orientato agli utenti finali e ai professionisti del settore. In una società in cui anche gli utenti finali diventano creatori di informazioni geografiche la necessità di formare professionisti in grado di analizzare questi dati e creare processi utili diventa fondamentale.
Manfred Weisensee, presidente della Società Tedesca di Cartografia, sottolinea l'importanza delle mappe per la comprensione della grande massa di geoinformazioni alla quale siamo soggetti. L'uomo, d'altra parte, ha bisogno di una componente visuale per intepretare i dati spaziali ed è così che, nel futuro breve, la mappa diventerà responsive e saprà lei stessa chi la sta guardando e da dove lo si sta facendo. L'influenza del geospatial 4.0 è evidente nel momento stesso che si considera l'utente come parte attiva del processo cartografico.
La conferenza stampa è stata l'occasione per dar voce alle impressioni dei principali player presenti in fiera: Ola Rollén, presidente e CEO di Hexagon, vede un futuro in cui un nuovo tipo di mappa si affaccerà allo scopo di soddisfare le esigenze del mercato delle autonomous cars. Riguardo il gruppo Hexagon, Rollén ha precisato che Leica Geosystems rappresenta ancor oggi il brand principale. Gli altri brand del gruppo (Geomax, Novatel e Hexagon Geospatial) puntano ad intercettare le esigenze di un pubblico diverso da quello dei topografi, in maniera più verticale.
Ron Bisio, general manager del settore geospaziale di Trimble, conferma il buon andamento del mercato. Trimble segue le più recenti tendenze e per questo, da semplice produttrice di hardware per la raccolta dei dati spaziali, sta oggi trasformandosi un'azienda in grado di interpretare le esigenze dei committenti e fornire soluzioni integrate ai problemi. In poche parole, Trimble punta ad insegnare agli altri settori come far uso del settore geospaziale.
Per Karsten Schulz, direttore delle analisi delle immagini al Fraunhofer Institute, uno dei principali temi di discussione dev'essere quello del flusso dei dati. Non tanto relativamente alla loro quantità quanto piuttosto per trovare il modo di usare questi dati in maniera utile ed intuitiva. La qualità dei dati, dunque, è la chiave.
Le aziende e gli espeti del settore sono d'accordo: nel prossimo futuro il settore dell'informazione geografica non riuscirà più a riconoscere i professionisti geospaziali da altri tipi di professionisti, tanto è l'influsso di questo tipo di dati nella vita di tutti i giorni. Le aziende devono impegnarsi a creare processi validi in cui questi dati possano essere sfruttati al meglio, assecondando così le esigenze di nuove entità e settori come le smart cities, il BIM, la gestione del traffico, ecc. Dal punto di vista della fruibilità dei dati, questi è importante che vengano astratti in modo da essere integrabili con informazioni provenienti da diverse fonti e dunque messe a disposizione di tutti operando, così, una vera democratizzazione dell'accesso alle informazioni geografiche.

Sotto una piccola gallery fotografica.

(Fonte: redazionale)

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4ayk

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

osservazione della terra ict smart mobility infrastrutture topografia stazione totale esri italia big data gps mare cnr formazione microgeo Bentley esri dissesto idrogeologico intelligenza artificiale asita mobile mapping open data INTERGEO monitoraggio Stonex meteorologia autonomous vehicle FOIF planetek geospatial uav rilievo gestione emergenze modellazione 3d pianificazione utility GIS ricevitori tecnologia beni culturali leica top geomatica geologia terra e spazio 3DTarget sensore energia technologyforall mobilita webGIS termografia rilievo 3d protezione civile smart city cantiere misurazione ISPRA leica geosystems geodesia openstreetmap posizionamento satellitare Harris ambiente territorio monitoraggio satelitare eGEOS geomax ortofoto GNSS rndt autodesk servizi fotogrammetria progettazione oceanografia archeologia cosmo skymed digital geography catasto europeo in cantiere dati scienze della terra sinergis uso del suolo telerilevamento slam flytop trimble copernicus autocad terremoti scansione 3D open source Toponomastica arcgis agricoltura codevintec CAD apr terremoto laser scanner osservazione dell'universo tecnologie avanzate faro metadati reti tecnologiche interferometria mappe sar geoportale geofisica lidar teorema geolocalizzazione INSPIRE coste dati geografici GTER 3D esa open geo data satelliti ingv internet of things realtà virtuale qgis Epsilon Italia BIM nuvole di punti telespazio urbanistica storytelling catasto sicurezza asi droni rischio sentinel terrelogiche aerofotogrammetria smartphone drone spazio cartografia trasporti remote sensing hexagon topcon app galileo realta aumentata
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy