La mappatura mondiale del traffico aeronautico

Stampa

Il satellite proba-V oltre al suo normale compito di monitoraggio per la crescita della vegetazione globale ha realizzato una mappa del traffico aereo raccogliendo dallo spazio i dati inviati da tutti i trasponder a bordo degli aerei in volo. In due anni di osservazione dalla messa in orbita sono state registrate 25 milioni di posizioni ricavate da oltre 15mila velivoli differenti.

Il satellite ha una forma quadrata e assomiglia ad una scatola con un volume inferiore al metro cubo. E' stato progettato e costruito dall'Agenzia Spaziale Europea (ESA), ed è il quarto satellite del programma PROBA, acronimo di Project for On-Board Autonomy. La lettera V, non è il numero romano 5 come potrebbe sembrare, ma sta per vegetazione. Proprio perchè il suo compito principale è quello di monitorare la vegetazione globale essendo in grado di raccogliere una vasta mole di dati ed ogni due giorni può mappare la crescita della vegetazione di tutto il mondo con una risoluzione di 330 metri.

Per controllare lo stato di salute della vegetazione e dei corsi d'acqua o per monitorare eventuali "cicatrici" lasciate dagli incendi, questo tipo di satelliti, sono diventati fondamentali per le Agenzia Spaziali di tutto il mondo. I suoi dati e le sue immagini - oltre a essere di una rara bellezza - sono fondamentali per valutare gli effetti del clima sulla vegetazione, gestire le risorse idriche superficiali, controllare l'agricoltura e stimare la sicurezza del cibo sul pianeta, in particolare nelle aree meno sviluppate.

Per vedere le immagini divulgate dall'ESA basta cliccare qui.

 
Fonte: (Focus)
 
 

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche