itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

Conferenza ASITA 2015, per l'invio degli abstract c'è tempo fino al 4 maggio

La Conferenza Nazionale ASITA (Federazione italiana delle Associazioni Scientifiche per le Informazioni Territoriali e Ambientali), giunta quest’anno alla 19ma edizione, si svolgeà a Lecco dal 29 settembre all'1 ottobre 2015. La Confernza ha l’obbiettivo di svolgere un ruolo di connessione tra mondo scientifico, istituzioni, prassi e pratiche territoriali.

Per sottoporre un abstract al comitato della Confernza c'è tempo fino al 4 maggio.

Ecco di seguito l'elenco dei temi della Confernza 2015 per i quali presentare gli abstract. Per ogni altra informazione e sottoporre i lavori potete visitare la pagina dedicata sul sito ASITA.

1. Posizionamento di precisione, Navigazione e Geodesia Operativa
Rientrano in questo tema i lavori legati ad argomenti di base e applicativi finalizzati alla determinazione di coordinate di punti. Sono quindi compresi gli studi teorici, metodologici ed applicativi riguardanti la geodesia operativa e la topografia, il campo di gravità, l’ondulazione del Geoide ed il posizionamento di precisione. La realizzazione ed il mantenimento di reti (anche per il posizionamento di precisione in tempo reale) ed esperienze di navigazione geodetica. Il tema comprende inoltre tutti gli studi e le esperienze legate all’integrazione di tecniche e sensori finalizzati alla determinazione della posizione dei punti anche per la navigazione per sistemi di rilievo ad alto rendimento

Keywords: Topografia, GNSS, Sistemi di Riferimento, Geoide, reti geodetiche, Reti per il posizionamento in tempo reale, Mobile Mapping System, Navigazione integrata

2. Sensori, piattaforme e tecniche per il telerilevamento ottico e RADAR, la fotogrammetria digitale e LIDAR
Nuovi sensori e nuove tecnologie per il telerilevamento satellitare, aereo e “di prossimità”, compresi quelli per la fotogrammetria, per le acquisizioni RADAR/SAR satellitari, aeree e terrestri (a diversa polarimetria o con capacità interferometrica) e per il LIDAR. Tecniche di image matching innovativi per la generazione automatica di DSM da modelli stereoscopici e per la georeferenziazione pseudo-automatica di immagini.Confronti tra le prestazioni delle diverse tecnologie, aspetti economici legati all'evoluzione dei prezzi e dei costi ed al loro rapporto con i benefici applicativi ottenuti ed attesi, in particolare tra LIDAR, SAR e ottico tradizionale. Nuovi sistemi si acquisizione, di posizionamento e navigazione di tipo commerciale installabili su ultraleggeri e UAV. Sensori a basso costo per l’agricoltura di precisione e il monitoraggio locale

Keywords: Sensori, ottico, SAR, INSAR, LIDAR, UAV, camere fotogrammetriche, licenze, legislazione, distribuzione

3. Metodi di processamento, analisi ed integrazione dei dati telerilevati per finalità tematiche
Aspetti metodologici relativi alle tecniche di telerilevamento per il pre-processamento del dato fisico e l’estrazione dell’informazione con finalità tematiche. Metodi innovativi per l’analisi delle proprietà spettrali e della variabilità temporale delle superfici per la caratterizzazione e la valutazione delle dinamiche relative ai loro parametri chimico-fisici. Metodi di classificazione innovativi anche “object oriented” e multi-sensore. Soluzioni per l’integrazione di dati multi-sorgente, con particolare attenzione alla fusione di serie di immagini ottiche e radar. Approcci metodologici per l’analisi di grandi dataset multitemporali, per la creazione di indicatori di cambiamento e monitoraggio territoriale-ambientale, anche a scala globale. Work-flow innovativi per l’integrazione di dati telerilevati con dati esterni in ambiente GIS. Tecniche e risultati per il processamento tematico di dati LIDAR. Trattamento termografia da satellite, aereo e prossimale

Keywords: Correzione atmosferica, multisorgente, integrazione ottico/radar, serie multitemporali, parametri bio-geo-fisici delle superfici, classificazione, segmentazione, termocamere

4. L’integrazione di dati spaziali: metodologie; standard; interoperabilità; infrastrutture di dati territoriali
La crescente esigenza di integrazione tra diverse rappresentazioni di dati geo-spaziali è presente in contesti diversi che vanno dagli enti pubblici (regioni, province e comuni italiani) al livello europeo (progetto INSPIRE). Tale integrazione riguarda in particolare lo scambio di dati, la gestione degli aggiornamenti, l'armonizzazione delle informazioni e la loro interoperabilità. Alla base di tali attività è sentita quindi la necessità di definire e adottare standard e infrastrutture di dati territoriali che realizzati attraverso strumenti evolutivi soddisfino i requisiti finali di fruibilità e di usabilità di dati integrati

Keywords: Integrazione dati territoriali, standard, interoperabilità dei dati spaziali e spatio-temporali, infrastrutture dati territoriali, Inspire- e OGC-compliance, repertorio nazionale dati territoriali

5. Principi ed evoluzione della cartografia: dalla cartografia storica al 2.0
La cartografia in evoluzione. La cartografia storica costituisce un punto di osservazione privilegiato per l’analisi del territorio (analisi sincronica) e per comprendere la sua evoluzione nel tempo (analisi diacroniche). Analizzare le carte di ieri per comprendere l’azione dell’uomo nello spazio e disporre di una chiave per la comprensione di quanto oggi ci circonda (cartografia storica e trasformazione del paesaggio). La cartografia ‘dal basso’ e ‘creata dagli utenti’. Il concetto di ‘wiki’ applicato alla produzione, all’aggiornamento, alla diffusione di cartografia nei suoi diversi aspetti

Keywords: Cartografia storica: trasformazone del paesaggio; cartografia tematica; rappresentazione cartografica

6. La geomatica per l’indirizzamento e il supporto delle politiche pianificatorie e paesaggistiche
Applicazioni connesse alla descrizione paesaggistica ed alla sua valutazione attraverso l’utilizzo integrato di dati telerilevati e strumenti GIS di analisi spaziale in cui siano prese in considerazione sia le componenti antropiche che quelle strutturali e fisiche del paesaggio in un’ottica di approccio multicriteriale in cui l’ecologia del paesaggio giochi un ruolo prioritario. Tutte le applicazioni GIS, di rilievo o posizionamento (anche da piattaforme crowd) che mirino all’ottimizzazione di scelte pianificatorie in grado di indirizzare i piani urbanistici e paesaggistici degli enti locali, ma anche sostenere la candidatura di aree di pregio paesaggistico in ambito internazionale (es. UNESCO)

Keywords: Paesaggio, consumo di suolo, land degradation, UNESCO, analisi spaziale multi-criteriale, pianificazione

7. La Geomatica per la caratterizzazione il controllo e l’analisi del territorio a supporto delle politiche ambientali, agricole e forestali
Applicazioni geomatiche con ricadute sui work-flow operativi nei settori agro-ambientale e forestale. Applicazioni del telerilevamento per la mappatura automatica delle colture e la valutazione del loro stato. Studi di land-cover/land-use a scala regionale e locale. Valutazione della produttività degli agro-ecosistemi con integrazione di dati telerilevati in modellistica. Ruolo degli ecosistemi forestali nel ciclo del carbonio. Produttività e gestione dei sistemi agro-forestali. Modellistica idrologica: supporto alla parametrizzazione, soluzioni di up-scaling e down-scaling per applicazioni da scala di bacino a locale. Telerilevamento e applicazioni termografiche di carattere ambientale (se non finalizzate a manufatti o applicazioni di rischio naturale)

Keywords: Land cover-use/change, biodiversità,, desertificazione, inventari e mappe forestali, produzioni agricole,precision farming, modellistica ambientale

8. La Geomatica per il rilievo, monitoraggio e rappresentazione delle strutture del loro rapporto con il territorio: beni storici e culturali e grandi opere tecnologiche (dighe, ponti, infrastrutture,...)
La Geomatica come aiuto al monitoraggio ed al rilievo di manufatti di interesse tecnologico e culturale ed alla descrizione del loro rapporto con il contesto territoriale circostante in un’ottica di supporto alla modellazione, all'analisi, agli interventi di restauro e conservazione nonché alla gestione dei beni culturali ed ambientali.. Modalità di rappresentare i manufatti e contestualizzarli nell’ambito territoriale di riferimento tramite strumenti tradizionali e innovativi (simulazioni 3D, plastici, globi virtuali, rendering)

Keywords: Beni storici e culturali, grandi strutture e infrastrutture, rilievo, rappresentazione, archeologia.globi virtuali, rendering

9. La geomatica per la gestione dei rischi naturali ed antropici e dei disastri ambientali
Rientrano in questo tema gli studi e le esperienze condotte per la valutazione dei rischi connessi al comparto mare (costiero e profondo) e alle aree costiere, ai ghiacciai, agli eventi naturali potenzialmente o realmente catastrofici quali fronti di frana, cavità sotterranee, alluvioni, subsidenze e terremoti, inquinamento ambientale . Metodi di early warning e valutazione degli impatti anche da monitoraggio multitemporale (incendi boschivi, degradazione ambientale e stress idrici). Contributo delle immagini telerilevate per il forcing della modellistica ambientale: valutazione scenari di inquinamento dell’aria e delle acque. Valutazione dei limiti di adottabilità di strumentazioni o metodologie di lavoro in riferimento all’accuratezza, portata ed applicabilità nelle diverse condizioni operative, nonché alla integrazione di strumentazioni e tecniche differenti. Sono altresì comprese in questo tema le esperienze pratiche condotte al fine di valutare l’applicabilità di ipotesi, standard, linee guida significative per l’originalità delle soluzioni adottate o per l’apporto che possono dare alla ricerca in questo settore

Keywords: Monitoraggio del Territorio, Rischio idrogeologico, early warning, risk management, inquinamento, ambiente

10. Neogeography cartografia partecipata e orientata al cittadino
La cartografia partecipata, la 'neogeography'. Le realizzazioni cartografiche legate a Internet e al World Wide Web: il Web GIS, mash-up e globi virtuali

Keywords: Neogeography; cartografia partecipata; wiki; web 2.0

11. Database spaziali e topografici: modelli, applicazioni, politiche di distribuzione e best practices
Applicazioni ed esperienze innovative legate alla produzione, gestione e utilizzazione dei data base spaziali e topografici. Sono compresi gli aspetti legati ai modelli adottati, alle specifiche di contenuto per le diverse scale di produzione, la generalizzazione, l’armonizzazione e quelli legati alla buona pratica. I lavori possono essere di carattere generale o descrivere casi di studio, utili per la comprensione e interpretazione degli aspetti suindicati

Keywords: Database spaziali, topografici e geografici, modelli di dati, opendata, relazioni topologiche, metadati spaziali, normativa, INSPIRE, Data Policy, Business Model

12. GIS, GIServices e applicazioni per mobile technologies
Applicazioni ed esperienze innovative sulla base di metodologie e alti standard qualitativi. Particolare attenzione alla realizzazione di applicazioni su open data e big data, ai sistemi di Location Intelligence, al geomarketing, geodata mining, ai Location Based Services (outdoor/indoor), all’Internet of Things, in generale, al contributo del dato geografico al business e alla fruibilità del dato da parte del più vasto pubblico possibile. Aspetti teorici sulla trattazione dei dati: geometrie, topologie e informazioni

Keywords: Opendata, sistemi informativi geografici, analisi spaziale. normativa, INSPIRE, Data Policy, Business Model

13. Cartografia ufficiale a supporto dell’amministrazione del territorio
La cartografia prodotta dagli organi cartografici dello Stato, dalle amministrazioni pubbliche, dagli enti locali territoriali. Nuovi approcci, nuovi prodotti e nuove metodologie di costruzione e di utilizzo dello strumento cartografico

Keywords: Cartografia ufficiale; cartografia di base; amministraizione del territorio; catasto

14. Applicazioni per una crescita sostenibile (smart cities, innovazione digitale, sviluppo sostenibile)
Ampio spettro di ambiti di studio con in comune la sostenibilità e l'innovazione. Ricerche innovative per lo sviluppo di applicazioni smart-cities per palmari o tablet. Integrazione SDI, open data, opengovernment, cittadini come sensori. Gli studi sullo sviluppo sostenibile riguardano, infine, un vasto panorama di tematiche, dalle energie rinnovabili alla gestione oculata del patrimonio dei beni culturali

Keywords: smart cities; open data; open government; citizens as sensors

(Fonte: ASITA)

Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4x3a

 

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2

Naviga per temi

geofisica topografia asita planetek meteorologia open data telerilevamento topcon teorema mobile mapping dati autodesk webGIS sensore open geo data INTERGEO monitoraggio satelitare interferometria CAD flytop laser scanner esri italia stazione totale trasporti spazio scansione 3D progettazione realtà virtuale coste geolocalizzazione Bentley terra e spazio catasto europeo storytelling esa geodesia smart mobility modellazione 3d rischio faro geologia autonomous vehicle scienze della terra rilievo hexagon digital geography tecnologie avanzate ict codevintec ricevitori autocad sinergis metadati Toponomastica tecnologia mappe copernicus geoportale cantiere catasto smart city dati geografici gestione emergenze fotogrammetria galileo lidar monitoraggio realta aumentata territorio terremoto qgis droni ortofoto eGEOS cosmo skymed 3D sentinel energia formazione osservazione dell'universo INSPIRE leica geosystems big data geomatica rndt oceanografia protezione civile ambiente leica terrelogiche esri Harris top world misurazione satelliti urbanistica GTER sicurezza in cantiere posizionamento satellitare GNSS terremoti Here pianificazione technologyforall geomax reti tecnologiche 3DTarget remote sensing internet of things archeologia agricoltura GIS sar app trimble arcgis smartphone apr Stonex drone openstreetmap mare rilievo 3d geospatial ingv open source dissesto idrogeologico termografia BIM aerofotogrammetria beni culturali mobilita ISPRA intelligenza artificiale osservazione della terra asi servizi gps uav top infrastrutture utility cnr nuvole di punti FOIF Epsilon Italia uso del suolo cartografia microgeo
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps