itzh-CNenfrdeptrues
Hexagon GSP
Harris
3D Target

Una mappa dettagliata del fondale marino a Pozzuoli da INGV

Individuate a Pozzuoli nuove fumarole marine e studiati in dettaglio resti archeologici sommersi grazie a una mappa dettagliata del fondale, recentemente pubblicata su Journal of Maps. Lo studio, coordinato dall'Ingv-Osservatorio Vesuviano, in collaborazione con il Cnr, rientra nel progetto Monica.

Muri romani, antichi basolati e reperti di duemila anni fa tra emanazioni di gas vulcanici. E' il paesaggio sottomarino delle acque della baia di Pozzuoli, a nord di Napoli, evidenziato da una mappa batimetrica ad alta risoluzione, sviluppata dall’Osservatorio vesuviano (Ov) dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia (Ingv), in collaborazione con l'Istituto per l’ambiente marino costiero (Iamc) del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) di Napoli, nell’ambito del progetto Monica  (Monitoraggio innovativo delle coste e dell'ambiente marino). Lo studio High-resolution morpho-bathymetry of Pozzuoli Bay, southern Italy, finanziato dal Ministero dell'istruzione, dell'università e della ricerca (Miur), e recentemente pubblicato su Journal of Maps, ha esplorato le strutture portuali, i complessi residenziali e termali di età romana, come il Portus Iulius e la villa dei Pisoni, sommersi dal mare a causa dei movimenti verticali del suolo, all’interno di un contesto ricco di emissioni fumaroliche per la natura vulcanica del territorio. Il team di ricercatori partenopei ha ricostruito la morfologia dell'area marina individuando, mediante ecoscandaglio multibeam, la presenza e la posizione di strutture archeologiche fino a circa 15 metri di profondità.

“Ma c'è di più”, afferma  Renato Somma, ricercatore dell’Ov-Ingv. “Sono state scoperte aree finora sconosciute di emissione di gas vulcanici, e individuati terrazzi marini a varie profondità. Il rilievo batimetrico ha dato un'immagine senza precedenti della morfologia del fondale marino della baia di Pozzuoli e rappresenta un contributo alla comprensione dell'evoluzione della caldera dei Campi Flegrei, un'area vulcanica attiva ad alto rischio, abitata da quasi un milione di persone". La mappa, prodotta a scala 1:10000, rappresenta anche un importante strumento per la definizione di scenari multirischio e per il controllo dell’evoluzione delle aree costiere.

“La baia di Pozzuoli”, spiega il direttore dell’Ov-Ingv e coordinatore del progetto Monica, Giuseppe De Natale, “costituisce la parte centrale della caldera dei Campi Flegrei, un'ampia struttura vulcanotettonica che si è formata in seguito alle eruzioni vulcaniche dell'Ignimbrite Campana (la maggiore eruzione esplosiva avvenuta nell'area campana 39.000 anni fa) e del Tufo Giallo Napoletano (laseconda eruzione per importanza nell'area campana, di 15.000 anni fa). L'ultima eruzione è avvenuta nel 1538. Nel passato l'area è stata più volte interessata da movimenti del suolo legati alla dinamica vulcanica e recentemente si sono verificati due ulteriori episodi di bradisismo, negli anni 1969-1972 e 1982-1984, che hanno prodotto un sollevamento complessivo del suolo di circa tre metri e mezzo, accompagnati da sciami di terremoti di bassa energia. Negli ultimi dieci anni circa il movimento del suolo è ripreso e ha prodotto un innalzamento di circa 28 centimetri a oggi”.

Il progetto Monica è finalizzato alla prevenzione e alla gestione delle emergenze ambientali, soprattutto marine e costiere, anche attraverso la realizzazione di un sistema di monitoraggio in fibra ottica, costituito da sensori installati su fondale marino, che andrà a integrare i sistemi già esistenti a terra.

“L’obiettivo è costituire un sistema di monitoraggio marino-costiero che, insieme ai sistemi basati a terra, sia in grado di controllare fenomeni naturali quali terremoti, eruzioni, movimenti franosi, maremoti e possa essere ulteriormente implementato con sensori capaci di rilevare parametri biologici e di inquinamento marino, nonché fenomeni antropici quali traffico marittimo ecc.”, prosegue De Natale.

Il Modello digitale del terreno dell’area emersa di Pozzuoli (Dtm), prodotto nel corso di questo studio, è stato integrato con quello realizzato in precedenti campagne di ricerca e dati relativi all'area costiera dei Campi Flegrei, acquisiti nel 2004 dalla Regione Campania.

“Ulteriori rilievi in corso porteranno all'installazione di un cavo sottomarino interrato in fibra ottica, che collegherà alla terraferma alcune stazioni di monitoraggio geofisico collocate sul fondo marino”, conclude il direttore dell’Ov-Ingv.

Mappa golfo di Pozzuoli.

Ecoscandaglio multibeam sul fianco dell'imbarcazione in fase di rilievo eseguito dalla Geomarine s.r.l. per il progetto Pon Monica.

Esecuzione di rilievo side scan sonar per il progetto Pon Monica.

(Fonte: INGV)

Per avere maggiori informazioni sul progetto Monica, si può andare all'articolo sulla pubblicazione dei risultati, purtroppo non in Open Access e quindi non disponibile gratuitamente a chi non disponga dell'accesso al sito dell'editore:

http://www.tandfonline.com/doi/full/10.1080/17445647.2014.1001800#abstract

Peccato, l'INGV aveva dichiarato proprio 6 mesi fa di aver abbracciato la causa dell'Open Access!
 
Altre informazioni si trovano sui siti istituzionali, che indicano per il progetto MONitoraggio Innovativo per le Coste e l'Ambiente marino - MONICA un investimento di 7.491.100,00 euro di cui Contributo pubblico totale 5.671.040,00 euro, ma non sono disponibili sul sito informazioni sui risultati.

http://www.ponrec.it/open-data/progetti/scheda-progetto?ProgettoID=5096


Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4cx3

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Naviga per temi

copernicus rilievo 3d smart city Here geodesia terra e spazio sensore technologyforall droni laser scanner stazione totale mobile mapping rischio misurazione galileo modellazione 3d pianificazione scansione 3D monitoraggio asi FOIF satelliti sinergis terremoto termografia energia open data top osservazione della terra 3D fotogrammetria realtà virtuale GIS realta aumentata Epsilon Italia smartphone cnr oceanografia geoportale smart mobility scienze della terra agricoltura topcon dissesto idrogeologico progettazione Bentley ortofoto planetek tecnologia GNSS esri italia geomatica cartografia remote sensing in cantiere protezione civile mappe geolocalizzazione esri terrelogiche urbanistica leica ricevitori app interferometria uso del suolo terremoti gps servizi dati ict telerilevamento geologia geospatial sentinel storytelling utility top world teorema rndt uav Harris autodesk INSPIRE arcgis archeologia osservazione dell'universo intelligenza artificiale nuvole di punti catasto europeo CAD gestione emergenze faro apr geomax digital geography meteorologia cosmo skymed spazio autocad Toponomastica formazione mobilita beidou hexagon INTERGEO topografia microgeo trimble Stonex eGEOS catasto aerofotogrammetria esa asita GTER reti tecnologiche trasporti openstreetmap open source monitoraggio satelitare leica geosystems qgis rilievo geofisica territorio ingv cantiere sicurezza ISPRA posizionamento satellitare autonomous vehicle flytop dati geografici mare sar tecnologie avanzate infrastrutture BIM beni culturali coste lidar big data open geo data metadati ambiente codevintec internet of things SIFET webGIS
VidaLaser
intergeo

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps