itzh-CNenfrdeptrues
Harris
3D Target
Seconda Conferenza OpenGeoData Italia

L'agenda della Conferenza OpenGeoData Italia - Roma 27 febbraio 2014

Pubblicata l'agenda della Seconda Conferenza OpenGeoData Italia "Istruzioni per il RI-uso" che si terrà a Roma - Centro Congressi Frentani - il 27 febbraio 2014. Una interessante sessione plenaria dedicata al riuso dei dati aperti, un corso di formazione per gli enti, uno spazio per gli sviluppatori, uno spazio per gli applicativi, ed un tavolo di lavoro che vedrà coinvolti istituzioni, associazioni e aziende.

AGENDA - Scarica l'agenda finale

MATTINA: SESSIONE PLENARIA E CONFERIMENTO RICONOSCIMENTI

9.30 Sessione plenaria "Istruzioni per il RI-uso dei dati geografici aperti"
• "Cosa riusiamo? Da dove lo prendiamo? Dove stiamo andando?" (Giovanni Biallo – Presidente Associazione OpenGeoData Italia)
• "Gli aspetti legali del riuso del dato geografico ed ambientale" (Monica Palmirani – CIRSFIS Università di Bologna)
• "Gli enti pubblici riusano i dati open?" (Sergio Agostinelli – FormezPA)
• "I professionisti riusano i dati open" (Luigi Scarpa - Architetto)

11.00 Intervallo

11.20 Ripresa dei lavori
• "I Geodati open come fonte di business per le Aziende che offrono servizi alle Aziende" (Marco Santambrogio – VALUE LAB)
• "RealVista Open - Un'opportunità a due vie" (Marcello Maranesi - e-GEOS)
• "Fare business con gli Opendata è difficile ma non impossibile: QuoliMi" (Gianfranco Netti - ABS)
• "I dati da satellite open come fonte di business per le aziende" (Massimo Zotti – Planetek Italia)
• "Ricerca e Università riusano i geodati open" (Maurizio Pollino – ENEA)

13.00 Conferimento dei riconoscimenti OpenGeoData Italia

13.30 Pausa Pranzo

POMERIGGIO: CORSO E SESSIONI IN PARALLELO

14.30 – 17.30 Corso di formazione per la Pubblica Amministrazione "Pubblicare gli OpenData e predisporli per il riuso" (in collaborazione con il FormezPA)
Il primo modulo introduce il tema dei dati aperti e contestualizza il fenomeno in Italia. Partendo da una definizione di dato pubblico aperto, vengono affrontati gli aspetti riguardanti gli aspetti tecnici e normativi dei dati governativi, per poi arrivare ai principali esempi italiani ed esteri di pubbliche amministrazioni che hanno intrapreso un percorso di apertura e valorizzazione del patrimonio informativo pubblico. (Gianfranco Andriola – FormezPA)
Il secondo modulo riporta le esperienze di sviluppo ed esercizio di un portale di OpenGeoData presso il Comune di Firenze, indicando le casistiche più interessanti di questioni o proposte pervenute da cittadini e imprese, e gli utilizzi più curiosi. Si analizzeranno anche i possibili approcci per interfacciarsi al meglio con i geoportali di altri enti, nonché possibili modalità sostenibili per un Ente di adesione allo standard INSPIRE e di utilizzo degli standard OGC. (Comune di Firenze)
Il terzo modulo è dedicato alle soluzioni tecnologiche per la pubblicazione dei dati open: Panoramica su CKAN come catalogo di distribuzione dati (Maurizio Napolitano - Open Knowledge Foundation); la piattaforma Socrata e l'esperienza in Regione Lombardia (Daniele Crespi - Lombardia Informatica); StatPortal OpenData: L'alternativa italiana orientata al riuso efficace dei dati (Ernesto Lastres - Sistemi Territoriali); Cart@net: una piattaforma geo-social per l'open government (Mauro Casaburi - Planetek Italia); Geoportale e Inspire (Gianni Campanile - Esri Italia).

14.30 – 17.00 Spazio applicativo "Come si fa" Presentazioni in risposta a quesiti molto concreti sull'uso degli open geo data.
(l'agenda di questa sessione non è ancora completa)
• Riuso e aggiornamento di open data con Collector for ArcGIS (Giuseppe Gigante – Esri Italia)
• Open data da immagini satellitari: le 5 regole d'oro da seguire (Massimo Zotti – Planetek Italia)
• Pubblicare in modo aperto e fruibile dati geografici (Alessandro Greco – Sistemi Territoriali)
• Come rispondere ad un evento emergenziale sfruttando dati Open e CosmoSkyMed (Domenico Grandoni - e-GEOS)
• Alluvioni: come mappare le aree inondate con immagini SAR , verso Sentinel-1 (Valentina Urbano – Planetek Italia)
• Creare pagine web di reportistica con gli open geo data (Alessandro Greco – Sistemi Territoriali)

14.30 – 17.30 Spazio sviluppatori. (N.3 workshop in sequenza)
Primo Workshop "Come costruire una APP con i dati geografici" – Si definisce WebGIS l'estensione web degli applicativi nati e sviluppati per gestire la cartografia numerica. La principale finalità del WebGIS è la condivisione con altri utenti delle informazioni georiferite tramite gli strumenti Web. Le recenti evoluzioni verso i sistemi mobile, motivate dalla possibilità di condividere e scambiare le informazioni ovunque ci si trovi, ha portato gli sviluppatori informatici a ri-progettare le interfacce webGIS per un'utilizzo da mobile, e a realizzare app native per la visualizzazione ed interpretazione dei geodati. Ne corso del workshop verranno analizzati due applicativi Android che fanno uso di open geodata. (Gianfranco Di Pietro e Fabio Rinnone - Geofunction Srls). Segue un breve intervento: Utilizzo di open data con ArcGIS Runtime SKD for Smartphone e tablet (Giuseppe Gisante – Esri Italia)
Secondo Workshop "Dieci modi per utilizzare OpenStreetMap" - OpenStreetMap (OSM) è un progetto collaborativo finalizzato a creare mappe a contenuto libero del mondo. Il progetto punta ad una raccolta mondiale di dati geografici, con scopo principale la creazione di mappe e cartografie. La caratteristica fondamentale dei dati geografici presenti in OSM è che possiedono una licenza open. E' possibile riutilizzare i dati in vari modi: scaricandoli, modificandoli, integrandoli, insieme ad altri dataset open, attraverso servizi di interoperabilità standard, ecc. Il workshop mostrerà i tanti modi per riutilizzare questi dati che sono disponibili anche per il territorio italiano. Showcase di usi e riusi di openstreetmap, strumenti di routing e geocoding, strumenti per gli sviluppatori (Maurizio Napolitano e Simone Cortesi). Seguono due brevi interventi: I servizi WMS di OSM per il WebGIS dei siti italiani UNESCO (Michele Aurelio – Associazione OpenGeoData Italia); Editing OSM con l'estensione OSM per ArcGIS Desktop (Roberto Durastante – Esri Italia)
Terzo Workshop "Progettazione di Ontologie e integrazione di dati geografici aperti" – Verrà illustrato il percorso per la creazione dei Linked Open Data del Sistema Archivistico Nazionale attraverso le varie fasi della progettazione dai dati, al loro controllo e normalizzazione fino all'utilizzo come repository da cui attingere informazioni. Verrà illustrato il processo di creazione dell'ontologia, dallo schema concettuale esteso dei dati alla definizione in linguaggio OWL dell'ontologia stessa ed anche la definizione in linguaggio SKOS dei vocabolari e dei tesauri utilizzati. Successivamente verranno presentati attraverso l'uso del tool OpenRefine sia i passaggi di normalizzazione degli elementi geografici dell'ontologia sia i passaggi di normalizzazione per il collegamento ad ontologie esterne. (Costantino Landino) Seguono due brevi interventi: Infrastrutture di dati territoriali, INSPIRE e Linked Data: perché riusare getLOD (Marco Fago – Planetek, Piergiorgio Cipriano – Sinergis); Tecnologie per l'accesso ai linked open data (Matteo Tiberio – Sistemi Territoriali)

14.30 – 17.00 Tavolo di lavoro con la partecipazione di istituzioni, associazioni e aziende sul tema "L'applicazione di modelli standard ai dati geografici aperti al fine di garantire facilità nel loro utilizzo" - E' noto che molti dataset oggi pubblicati in open da enti diversi, pur utilizzando la stessa denominazione identificativa, non utilizzano un modello di dati standard. Questo comporta che una applicazione sviluppata sulla base di un dataset reso disponibile in open da un ente, poi non funzioni su un dataset denominato nello stesso modo ma reso disponibile da un altro ente, perché i modelli sono diversi nelle strutture e nei contenuti. In questo primo incontro vorremmo dedicare la nostra attenzione agli stradari: anagrafe delle strade e dei numeri civici, archivi delle strade, toponomastica stradale, grafi stradali, ecc. Discutere dei modelli più utilizzati, degli standard, delle necessità per il riuso, delle applicazioni.

Partner della Conferenza sono: Planetek Italia, VALUE LAB, Esri Italia, Sistemi Territoriali, e-GEOS, Sinergis.

OpenGeoData Italia è un'Associazione Culturale senza scopo di lucro, nata per diffondere la cultura dei dati geografici ed il loro libero uso, per incoraggiarne il riuso, per stimolare gli Enti Pubblici con azioni, proposte e progetti a rendere accessibili ed utilizzabili i loro dati geografici. Alla prima Conferenza "OpenGeoData Italia – istruzioni per l'uso" (Roma- 28 febbraio 2013) hanno partecipato più di 400 persone in sala ed altre 150 via web. L'e-book contenente sia gli Atti della Conferenza che diversi ulteriori approfondimenti e report, è stato scaricato finora più di 3.000 volte.

www.opengeodata.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 Copia qui lo "short link" a questo articolo
www.geoforall.it/k4xrp

 

This content has been locked. You can no longer post any comment.

Sostieni la rivista GEOmedia ed il sito GEOforALL.it  
Da sempre abbiamo affermato la valenza pratica delle tecnologie e della ricerca applicata al Territorio e all'Ambiente, strumento aperto di informazione e di conoscenza alla portata della curiosità. Il nostro lavoro è solo avviato dal sostegno dei produttori di tecnologie, dei professionisti, degli enti e dei lettori abbonati che sono orientati al campo d'interesse e diffusione, variabile quanto imprevedibile.
La scelta  dell'Open Access Digitale gratuito è stata ed è il sostegno di una tecnologia dirompente, corollario indispensabile di decodificazione della difficoltà e novità di linguaggio, al cui fianco la memoria della stampa cartacea su abbonamento non prescinde dal piacere della lettura tradizionale, che è per definizione insito nell'informazione, perché sia tale.
Senza il vostro acquisto dovremo presto convertire un prodotto per noi insostituibile.
Abbonatevi CLICCANDO QUI 
 


 

Vedi anche

Reach RS2
DJI
VidaLaser

Naviga per temi

fotogrammetria territorio rischio urbanistica tecnologia telerilevamento scansione 3D internet of things storytelling CAD sinergis catasto europeo teorema ISPRA geomatica cantiere top topografia sar protezione civile autocad telespazio intelligenza artificiale metadati terremoti nuvole di punti monitoraggio dati INSPIRE gestione emergenze stazione totale galileo open data infrastrutture meteorologia smartphone openstreetmap sensore geomax laser scanner ambiente flytop smart city esa oceanografia realtà virtuale webGIS mappe drone aerofotogrammetria open geo data uav microgeo Epsilon Italia GIS mobilita hexagon geofisica utility cartografia modellazione 3d 3DTarget beni culturali scienze della terra dati geografici reti tecnologiche topcon ingv gps autodesk big data sicurezza satelliti remote sensing pianificazione leica geosystems INTERGEO rilievo 3d realta aumentata open source misurazione asita rilievo codevintec termografia spazio interferometria formazione lidar Harris technologyforall esri dissesto idrogeologico servizi digital geography progettazione mobile mapping osservazione della terra eGEOS agricoltura tecnologie avanzate Toponomastica 3D geologia BIM qgis terra e spazio catasto energia in cantiere osservazione dell'universo geoportale rndt droni faro smart mobility posizionamento satellitare mare trimble planetek copernicus terremoto sentinel Stonex FOIF autonomous vehicle app trasporti top world arcgis coste GTER uso del suolo monitoraggio satelitare ict apr geolocalizzazione cosmo skymed ricevitori esri italia leica terrelogiche geodesia Bentley GNSS geospatial archeologia ortofoto asi cnr
Planetek ImageryPack
GIS g3w suite Qgis

Iscriviti alla Newsletter

Rimani aggiornato e registrati per ricevere la nostra newsletter!

Login redazione

Disclaimer

I contenuti redazionali di questo sito (articoli, editoriali, redazionali, video e podcast) sono soggetti ai seguenti Termini di utilizzo
Redazione MediaGEO soc. coop. Via Palestro, 95 00185 Roma. Testata telematica con reg. al Tribunale di Roma n° 231/2009 del 26-6-2009. 

mediaGEO LOGONEW transp80x276

mediaGEO soc. coop.
Via Palestro, 95 - 00185 Roma
Tel. +39 06.64.87.12.09   
Fax +39 06.62.20.95.10
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

markerTrovaci su Google Maps

internazionalizzazione

mediaGEO ha ricevuto supporto finanziario dalla Regione Lazio per il progetto di Internazionalizzazione relativo al POR - FESR 2014 2020 - clicca qui per i dettagli

geomediaonline

Redazione mediaGEO soc. coop. - Via Palestro 95 00185 Roma - P.I: 11534171001 - Tel. +39 06 64871209 - info@mediageo.it  - Termini di utilizzo - Privacy policy